Cisterna di Valverde (Bagni di Mario)

Cisterna di Valverde (Bagni di Mario)

Bagni di Mario è il nome erroneamente dato alla Cisterna di Valverde, quando fu scoperta nel XX secolo, supponendo che fosse un centro termale di epoca romana. Invece è di epoca rinascimentale (1563) e venne realizzata da Tommaso Laureti, architetto palermitano, per alimentare la Fontana del Nettuno. Giunta ai giorni nostri senza mai essere restaurata, la costruzione è formata da una vasca principale di forma ottagonale, da quattro condotti ciechi che si inoltrano nella collina e da tre conserve di raccolta collegate fra di loro. Di notevole bellezza un altissimo camino completamente ricoperto da incrostazioni calcaree secolari. Il condotto situato al secondo livello inferiore (non visitabile al grande pubblico) che sottopassa la vasca centrale, risulta invece ostruito e non permette di proseguire verso la città. Guardate la gallery con le fotografie realizzate da noi per Bologna Wellness delle Acque: sono fotografie rare, in quanto le uniche ad alta qualità presenti in rete, a maggior ragione se si considera che il luogo è aperto al pubblico solo in via strettamente eccezionale.

Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

E se vi è piaciuta la gallery e vi siete innamorati di questo luogo, vi lasciamo anche degli importantissimi documenti (Archivio Bottino) riguardanti il progetto del canale che portava l’acqua dalla Cisterna fino alla Fontana del Nettuno. Questo sistema idrologico è unico al mondo e permise non solo al papato di avere acqua pura proveniente da valle fin dal XVI secolo, ma anche di evitare a moltissime persone l’epidemia di colera che nel XIX secolo uccise migliaia di persone. L’acqua che arrivava con questo sistema era pulita.

tav_6 Schema orto percorso quadro1